Specialisti nella consulenza per la prevenzione della balbuzie, in età evolutiva, adolescenziale e adulta

Il linguaggio non verbale

marco santilli

L’importanza del linguaggio non verbale, se ne parla con il dott. Santilli esperto del settore. Appuntamento è per il 28 e 29 aprile presso la sede della Formatec

Mancano pochi giorni al seminario del 28 e 29 aprile sulla “Teoria e tecnica del comportamento e del linguaggio non verbale - I codici del linguaggio del corpo” tenuto dal dott. Marco Santilli, uno dei massimi esperti del settore, che da venti anni, in tutto il territorio nazionale, dedica la sua vita professionale e non alla comunicazione, con un’attenzione particolare alla rieducazione motoria verbale e non verbale.

Raggiunto telefonicamente, con un tono di voce estremamente tranquillizzante, ci ha raccontato il suo impegno e soprattutto l’importante ruolo che gioca il linguaggio del corpo nell’educazione dei bambini. Non per altro infatti, spesso, ma non solo, tra i suoi “discenti” si annoverano insegnanti, logopedisti e psicologi.

“Mi occupo da venti anni della rieducazione motoria-verbale che da sempre è alla base dei comportamenti emotivi e relazionali, all’interno dei quali il linguaggio non verbale  è allo stesso tempo verbale  e diventa di fondamentale rilievo soprattutto nel rapporto tra maestro e bambino fin dalla più tenera età per arrivare a quella adolescenziale”.

Per questo rivolge spesso i suoi corsi agli insegnanti?

Sì, fermo restando che i miei corsi sono aperti a chiunque vi abbia interesse, anche solo per imparare a raffrontarsi serenamente con la società esterna, ma per chi quotidianamente si rapporta con i più piccoli, il linguaggio non verbale deve diventare una forma mentis per il maestro perchè i gesti del corpo sono predominanti nella comunicazione prima ancora delle parole e devono essere curati affinchè il bambino cresca tranquillo, equilibrato e allo stesso tempo stimolato.

“Ma ripeto – puntualizza il dottore - la comunicazione è un aspetto determinante del nostro vivere quotidiano in ambito non solo scolastico, ma anche sociale, e riveste un ruolo fondamentale ed imprescindibile  nel rapporto con gli altri, ed è in questo contesto che si colloca in prima linea la comunicazione non verbale che, con i suoi gesti silenti, consente di valutare, regolare, e influenzare il rapporto interpersonale”.

Affinché tutti riusciamo a comunicare e confrontarci con serenità, l’appuntamento è per i due giorni di seminario del 28 e 29 aprile c/o la Formatec in Via Papa Giovanni Paolo I, 10/F-G-H, con il dottor Santilli, la sua esperienza e la sua professionalità.

di Laura Maffei